Usi del timo

92
747 0 085 Timo

Il Timo è una pianta perenne. Forma un cespuglio compatto alto circa 30 centimetri, i rami tendono a lignificare. Le piccole foglie sono lanceolate e nella parte inferiore sono biancastre e cotonose.Il periodo di fioritura è tra la primavera e l’estate. La pianta si ricopre di piccoli fiorellini bianco – rosati oppure violetti.Il Timo emana un gradevolissimo profumo. E’ una pianta molto comune, talvolta infestante, soprattutto allo stato selvatico. Si trova ovunque, da 0 a 2000 metri di altitudine e preferisce terreni aridi e sassosi. Negli orti è molto coltivata come pianta aromatica.Per utilizzarla, da maggio a luglio si raccolgono le foglie e le parti fiorite, facendo attenzione a scegliere i rametti non ancora lignificati. Per l’essiccazione bisogna scegliere un luogo asciutto e ben ventilato.Il Timo ha numerose proprietà. E’ balsamico, antisettico, stimolante, anticatarrale e antibiotico.Si può utilizzare in infuso o sciroppo per combattere la tosse e i problemi alle vie respiratorie, problemi digestivi aerofagia e irregolarità nelle mestruazioni. L’infuso può anche essere usato per lavare piccole ferite e piaghe e nei gargarismi in caso di infiammazioni.A livello cosmetico, usate l’infuso per sciacquare i capelli deboli e fragili, mentre dovrete aggiungere il decotto all’acqua del bagno per tonificarvi e recuperare le energie.In cucina, il Timo si usa molto per insaporire i piatti. Tra le tante caratteristiche, la pianta ha anche la capacità di prolungare la conservazione degli alimenti. Va molto bene in combinazione con la carne e il pesce, i sughi e le verdure. Ottimo anche per l’aromatizzazione dei liquori.L’olio essenziale di timo attiva le difese dell’organismo e aiuta la produzione dei globuli bianchi in caso di infezioni. E’ quindi molto utile negli stati di debolezza, per affrontare una convalescenza, in caso di epidemie e comunque per combattere le malattie infettive. Diluito con l’acqua, è utile in caso di funghi e parassiti della pelle.