Salvia

119
748 0 086 Salvia

La Salvia è una pianta sempreverde, cespugliosa, ramificata e molto legnosa alla sua base. L’altezza può raggiungere i 60 – 70 cm. Le foglie sono spesse e rugose, ricoperte da peluria e morbide al tatto.Il periodo di fioritura è la primavera e l’estate, stagioni in cui appaiono fiorellini dal colore blu – violetto.La pianta emana un buonissimo profumo. Si trova allo stato selvatico in tutta l’area mediterranea, comprese le isole. Cresce principalmente su terreni sassosi e in pieno sole. E’ comunque coltivata in tutta Italia, dal sud al nord, sia negli orti che in vaso su balconi e terrazzi. Si coltiva principalmente come pianta aromatica, ma a livello industriale per la produzione di olio essenziale.Le foglie devono essere raccolte prima della fioritura e si possono utilizzare sia fresche che essiccate. Si usano tuttavia anche le parti fiorite.La Salvia ha proprietà toniche sul sistema nervoso. E’ stimolante e digestiva con capacità cicatrizzanti.Si può usare per aromatizzare cibi, come infuso o tintura, o ancora come decotto in caso di mestruazioni non regolari e difficoltà digestive. E ancora, è indicata in caso di convalescenza, depressione e bronchite. Il decotto è ottimo nei gargarismi per combattere infiammazioni della gola e tonsilliti. Aggiunto all’acqua del bagno lenisce i dolori da reumatismi. Su eczemi, piaghe e dermatosi preparate delle compresse imbevute della tisana di Salvia. Le foglie possono essere invece strofinate sui denti per renderli bianchi.L’uso più comune è quello in cucina, per aromatizzare in particolar modo le minestre, le verdure, la carne e il pesce.L’uso della Salvia è controindicata per persone particolarmente nervose e per le donne che allattano, poiché frena la produzione del latte.Se avete problemi di eccessiva produzione di catarro, effettuate delle fumigazioni ed inalazioni con questa pianta, mentre per micosi sulla pelle effettuate lavaggi, frizioni e impacchi.