Il perito numismatico e i certificati

231
1843 0 il_perito_numismatico

Per diventare perito numismatico è necessario presentare la propria domanda alla commissione dei periti presso il tribunale di competenza nella città in cui si opera. Una commissione valuterà l’ammissione in ragione delle qualifiche professionali e dell’attività svolta. La qualifica di perito numismatico abilita alla perizia su ogni tipo di moneta metallica o cartacea, senza distinzione alcuna. Sebbene non sia necessario essere un commerciante o un accademico, è comunque indispensabile, per diventare perito numismatico, dimostrare con referenze e attestati di essere idonei a ricoprire il ruolo, visto che la commissione valuta non solo i titoli ma anche la preparazione.I periti numismatici possono rilasciare certificati che esprimono in vari modi il livello qualitativo dell’esemplare preso in esame (ad esempio tramite percentuale) e legando la quotazione commerciale allo stato di conservazione, come nel caso della Bolaffi; altri, come Moruzzi Numismatica, garantiscono le proprie monete senza sigillare nella plastica rigida e offrono foto di alta qualità a testimoniare l’origine e la bontà delle monete; nel cartellino allegato è anche presente un QR code per leggere con un lettore QR utilizzabile sui più comuni smartphone i certificati descrittivi delle monete, dalle foto ai riferimenti di provenienza. Da molti assimilati ai periti numismatici veri e propri sono i soci dell’associazione Numismatici Italiani Professionisti, che raccoglie la maggior parte degli operatori commerciali che operano nel settore numismatico a livello professionale. Per aderire alla NIP è necessario svolgere da almeno quattro anni, con partita IVA, una professione legata alla numismatica, e che hanno provato la preparazione nel campo con prodotti scientifici, articoli, saggi, curatele eccetera; è necessario ovviamente garantire anche l’autenticità del materiale che commercializzano. Molti definiscono “periziate”, anche se a rigore non lo sono, le monete sigillate dai soci NIP. Dal 2010 la NIP prevede anche uno specifico albo di esperti per aree di competenza.