I tricks dello skateboard

89
860 0 Sport individuali  i tricks dello skateboard

Malgrado esistano vari tipi di discipline che prevedono l’uso di uno skateboard (velocità, slalom ecc.), la massima popolarità di questo sport riguarda soprattutto la sua parte acrobatica, le evoluzioni o tricks che, sia effettuate in uno skatepark che per strada, stupiscono i neofiti per la loro complessità e difficoltà. La base di tutti i tricks con lo skate sono gli ollie, i salti che permettono di mantenere la tavola attaccata ai piedi, ideati da Alan “Ollie” Gelfand nel 1970 in Florida. La manovra è il primo e più importante ostacolo che uno skater deve affrontare e richiede coordinazione tra il piede posteriore che preme sulla coda per far alzare la parte anteriore e il piede anteriore che si sposta rapidamente in avanti sul grip. L’ollie può avere molte varianti (switch, fakie, north, south). Il trick più popolare – e quello che dà origine al maggior numero di varianti – è il flip, nel quale la tavola si stacca dai piedi dello skater e ruota, cioè flippa. Dal kickflip ed heelflip, che fanno ruotare la tavola sul suo asse, ai più semplici pop shove-it e frontside pop shove-it, alle varie combinazioni (varial, 360, hard, inward), e ancora bigspin, pressure flips, impossible. Altra mossa tipica dello skate è il grab, un trick da effettuare in aria nel quale si afferra la tavola con la mano, inventati per lo più da Tony Alva. Nel grind si fanno invece scivolare i truck su una superficie come una ringhiera o l’angolo di una panchina; lo slide è simile ma sulla superficie si fa scorrere direttamente la tavola, spesso su un tubo. Manual e nose manual fanno stare in equilibrio su due suole ruote, mentre il caveman di Tony Hawk prevede che si tenga la tavola in mano e ci si salti sopra.