Come creare un orto sul balcone

353
1631 0 come_creare_un_orto_sul_balcone

Molto spesso si crede che l’orto sia un lusso per chiunque non abbia una casa in campagna, o comunque un terreno di una certa estensione e riparato a disposizione. Ma per coltivare un numero sorprendentemente elevato di verdure, erbe e ortaggi non è necessario avere sottomano chissà quanto spazio. Anche un semplice balcone può infatti diventare uno spazio perfetto per la produzione delle primizie ortofrutticole, in modo da avere una deliziosa riserva di gusto e salute a chilometro zero. Per realizzare un orto in casa basta prima di tutto munirsi di vasi (i migliori sono quelli di terracotta, ma anche quelli di plastica rettangolari possono andare bene, in quanto permettono di utilizzare meglio lo spazio e sono più leggeri da trasportare). I vasi devono avere almeno 50 centimetri di profondità, altrimenti le piante possono crescere rachitiche o rinsecchite e non dare frutto. Per preparare i vasi è necessario disporre argilla o ghiaietto sul fondo, poi terriccio da giardinaggio e un po’ di sabbia a grana grossa (il terreno deve infatti essere sempre ben drenato). Per quanto riguarda l’annaffiatura, questa deve essere regolare e frequente ma mai troppo abbondante, pena anche la morte delle piante (ad esempio i pomodori). L’acqua va versata sul terreno e non a pioggia, ma comunque è meglio innaffiare di sera, dopo il tramonto, per far sì che il sole non faccia elaborare da subito tutta l’acqua. Di solito si parte con qualche erba aromatica, pomodori e zucchine, tra i più facili da far crescere. Le piantine devono essere già cresciute e messe a dimora tra fine marzo e la fine di aprile. Non bisogna concimare troppo (indicato soprattutto il terriccio da lombrico), meglio evitare i concimi liquidi. E attenzione: prima di consumare le nostre verdure, è assolutamente indispensabile lavarle con molta cura, anche con bicarbonato di sodio, soprattutto se viviamo in città.