Semina prato: consigli e trucchi per un manto erboso perfetto

156

Avete sempre sognato un prato perfetto come quelli che vedete sulle riviste di giardinaggio, ma non sapete da dove cominciare per ottenerlo? Bene, il segreto per un prato verde e rigoglioso sta tutto nella semina. Effettuare la semina nel modo giusto è la garanzia per un tappeto erboso perfetto.
Vediamo, allora, qualche consiglio pratico su come eseguire nel modo corretto le operazioni di semina del manto erboso.

1) Scegliere il periodo dell’anno giusto. Di solito la semina del prato andrebbe fatta in autunno o in primavera, ovvero, in un periodo dell’anno in cui la temperatura del terreno non scenda al di sotto dei 12 gradi. Ad una temperatura inferiore i semi dell’erba non riceverebbero il calore necessario per la germinazione.

2) Preparare il terreno nel modo giusto. Per garantire ai semi le condizioni giuste per terminare è necessario preparare il terreno ad accoglierli. Come? Nelle due settimane precedenti la messa in dimora dei semi, bisogna vangare il terreno, fresare le zolle più compatte e concimare il terreno con prodotti specifici. Sì consiglia anche di ricoprire il terreno con uno strato di terriccio per prati che contiene sostanze nutritive in grado di favorire il corretto sviluppo dei semi.

3) Scegliere le sementi giuste. Le sementi vanno scelte in base alla tipologia di terreno, al clima, all’esposizione al sole e al tipo di prato che si vuole ottenere (ornamentale o calpestabile). Se il budget a disposizione ve lo permette, optate per sementi professionali.

4) Distribuire i semi in modo uniforme. Per una corretta semina del terreno bisognerebbe calcolare una media di 40/50 grammi di semi per ogni metro quadro di terreno. I semi dovrebbero essere distribuiti in maniera uniforme per evitare inestetismi futuri.

Quello della semina del prato è un momento molto delicato perché, pur eseguendo tutte le operazioni richieste, le probabilità che qualcosa possa andare storto e pregiudicare il risultato finale sono abbastanza alte.