Scegliere la lettiera per il gatto

100

La lettiera per il proprio micio, da scegliere con cura per garantirgli il massimo comfort, può essere fondamentalmente di tre tipi, con composizione mineralevegetale o al gel di silicio. Nel primo caso la composizione della lettiera è in granuli di bentonite che al contatto con i liquidi si sciolgono e formano grumi oppure di sepiolite, che invece assorbe come una spugna, o ancora scarti di argilla pressata.

Si tratta delle lettere più economiche (un sacco da 20 litri costa circa da 6-7 a 15 euro), che però possono essere scomode da trasportare per il loro peso eccessivo. Attenzione, inoltre: le lettiere minerali possono produrre polveri sottili dannose per i polmoni del gatto.

Le lettiere vegetali invece sono a base di materiali naturale come il mais o l’orzo o la carta pressata, che però i gatti possono mangiare (fortunatamente non è nociva). Si tratta di lettiere ecosostenibili e compostabili, molto facili da smaltire, e il prezzo si aggira intorno a un euro o un euro e mezzo al litro. Infine c’è il gel di silicio, che assorbe liquidi e odori ed è molto facile da trasportare.

Quando si sceglie la vaschetta è bene che ci sia abbastanza spazio per il gatto per scavare e girarsi. È necessario rimuovere gli escrementi del micio una volta al giorno e cambiare completamente la lettiera ogni dieci giorni, lavandola in modo accurato quando viene svuotata (riempiendola di acqua e aggiungendo aceto o detersivo sgrassante o per pavimenti, e lasciando agire per una mezz’ora prima di risciacquare).

Anche se la maggior parte dei materiali in commercio per le lettiere riescono anche ad assorbire i cattivi odori, soprattutto se si tiene la lettiera dentro casa, uno strato di bicarbonato sul fondo della vaschetta e un po’ in superficie possono aiutare ulteriormente a combatterli.