Legno compensato per modellismo

230
986 0 Legno per modellismo il compensato_ok

Il compensato è un semilavorato, un materiale laminato composto da sottili fogli di legno: i più economici possono derivare da conifere (in particolare l’abete), legno di betulla o pioppo, mentre i più pregiati sono formati da fogli di faggio o teak. Esistono poi pannelli rivestiti solo esternamente di legni pregiati e formati internamente da legni più economici (detti “dolci”): si tratta dei compensati impiallacciati. I fogli, presenti in numero dispari per questioni di bilanciamento (così le venature del primo strato e dell’ultimo presentano lo stesso verso), vengono pressati in strati formando così un pannello unico e resistente. Si trova in commercio dal 1800 e dai primi decenni del ‘900 viene usato anche per la costruzione dei mobili da interno. Il punto di forza dei compensati è la loro resistenza dovuta alla sovrapposizione alternata delle fibre negli strati, che neutralizza i movimenti naturali del legno.Nel modellismo uno dei compensati più usati è quello di betulla, altrimenti chiamato Avio, perché usato nel modellini di aerei. È usato anche per piccole parti e molto dettagliate (come il fasciame degli scafi a spigolo do di una nave). Il suo colore è nocciola chiaro lucido, è resistente agli agenti atmosferici ed inalterabile all’umidità.Anche il compensato di faggio ha buone caratteristiche fisiche e meccaniche. Si può trovare anche in spessori minimi, ha una buona lavorabilità e stabilità e un’ottima resistenza agli agenti atmosferici e all’usura. Viene usato anche nella produzione di mobili e nella falegnameria.Un compensato più scarso a livello di resistenza ma più leggero ed economico è il compensato di pioppo: leggero ma meno resistente di quello di betulla, è costituito da solo tre strati sovrapposti, ma la sua leggerezza ne permette l’uso nei più svariati componenti. Ha buone prestazioni meccaniche.In generale, nel modellismo, dove si usano poco legno e di piccole dimensioni, è importante sceglierlo ben stagionato, per evitare che si alteri al variare dell’umidità dell’aria.