Le citazioni errate

72
1067 0 conan doyle_ok

Quando vogliamo citare un famoso autore del passato, un film, una serie televisiva, esistono frasi ormai entrare nel patrimonio comune e di cui nessuno si sognerebbe mai di mettere in dubbio l’autenticità. Capita spesso però che proprio queste citazioni non siano corrette, ma siano state tramandate in forma errata e sia ormai impossibile contrastarle con la versione originale. Ad esempio, inn nessun libro di Arthur Conan Doyle Sherlock Holmes dice qualcosa di simile a «Elementare, Watson». Galileo probabilmente non pronunciò mai «Eppur si muove!» al termine della sua abiura del sistema eliocentrico, e il replicante Roy Batty, al termine di Blade Runner, non dice «Ho visto cose che voi umani non potete neppure immaginare», bensì «Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi». Non ci si potrà appellare a Machiavelli per sostenere che «il fine giustifica i mezzi», perché non lo scrisse mai, né nel Principe né altrove. Quando Gesù resuscitò Lazzaro, non gli disse «Alzati e cammina», ma «Lazzaro, vieni fuori», mentre «Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina» venne detto da Cristo (sempre per il Vangelo di Giovanni) verso un altro uomo malato. La citazione più famosa di Voltaire? «Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo», risponderanno in molti. Invece no: la usò in una biografia del grande filosofo francese Evelyn Beatrice Hall. Tanti, per esortare qualcuno a non fare caso alle malelingue, penseranno di citare Dante dicendo «Non ti curar di loro, ma guarda e passa», quando la frase corretta è «Non ragioniam di lor, ma guarda e passa». E la Storia dovrebbe essere un po’ più generosa con Maria Antonietta: la frase «Se non hanno pane, che mangino brioches» venne scritta da Rousseau nelle Confessione in relazione a un avvenimento accaduto quando la regina di Francia non era ancora nata.