Kenzia

82
702 0 028_kenzia_ok.JPG

La Kenzia è una pianta d’appartamento di grande effetto, molto robusta e longeva (può vivere in vaso anche 30 anni). La crescita invece è molto lenta. E’ una pianta che ama molto la luce, ma non deve essere esposta direttamente ai raggi solari. D’estate, può stare anche sul balcone ma solo a mezz’ombra. Ama molto l’aria umida ed è bene nebulizzarla spesso, soprattutto nel periodo invernale, in cui il riscaldamento rende molto secca l’aria. Annaffiatela circa una volta alla settimana nel periodo caldo. In inverno sarà sufficiente una volta ogni 10 giorni, direttamente sulla terra.Come per ogni pianta, fate sempre molta attenzione che l’acqua non sia eccessivamente fredda. Meglio a temperatura ambiente. Inoltre, nel periodo estivo (indicativamente dal mese di maggio) dovrete aggiungere del concime liquido all’acqua una volta al mese.Normalmente non è attaccata dai parassiti. Se posizionata in posizione scorretta, ve ne accorgerete subito dal cambiamento delle foglie e potrete facilmente rimediarvi. Se le foglie dovessero seccare completamente, recidetele alla base con delle cesoie. Se invece dovessero seccare solo le punte, basterà tagliare soltanto quelle parti. Questi problemi indicano la mancanza di umidità, perciò correte ai ripari e nebulizzate la pianta più spesso, tenendola lontana da fonti di calore. Fate molta attenzione a non darle troppa acqua. Questo causerebbe la comparsa di zone nerastre alla base della pianta e successivamente l’appassimento delle foglie. Difficile recuperarle in questa situazione.E’ possibile trovare in commercio queste bellissime piante in varie grandezze. Quelle grandi sono normalmente molto costose, ma richiedono anche degli spazi molto ampi dove posizionarle. Valutate quindi sempre la grandezza della stanza che dovrà accogliere la Kenzia, anche per avere un effetto ottico più piacevole. Inoltre, al momento dell’acquisto, controllate sempre che le foglie siano perfette, senza punti secchi, macchie nere sulla base del tronco o altri segni che potrebbero essere indice di una malattia o un malessere.