Come fare per avere un balcone fiorito

95
1633 0 come_fare_per_avere_un_balcone_fiorito

Il balcone di una casa può essere un semplice spazio esterno, un po’ grigio, utilizzato al più per stendere la banchiera e prendere un po’ d’aria, o un piccolo paradiso verde: bastano cura e impegno per avere splendidi fiori che faranno invidia ai vicini e abbelliranno tutto l’edificio, oltre a costituire un hobby rilassante e appassionante. Per prima cosa bisogna conoscere le condizioni climatiche della zona in cui si vive, e magari rinunciare a qualche pianta che ci piace molto ma che rischierebbe di non vegetare bene o di morire se esposta alle intemperie; per questo il consiglio dei vivaisti è molto prezioso.Una volta scelte le varietà di piante con cui andremo a decorare il nostro balcone, è necessario selezionare esemplari con molte foglie verdi e tanti boccioli non ancora sbocciati, inserendoli poi, una volta a casa, nelle apposite cassette e fioriere. Un trucco: invasando le piantine è necessario lasciare più terra nel lato del vaso che dà verso l’interno, in modo da “spingere” la pianta verso l’esterno facilitando così la sua cascata. In caso si siano acquistati rampicanti, naturalmente, paletti e piccoli bastoni andranno bene, oltre naturalmente alla stessa struttura del balcone. Le piante vanno annaffiate con regolarità, di norma almeno un giorno sì e uno no, ma tenendo conto delle particolarità climatiche, dei momenti di grande caldo oppure di pioggia intensa. È importante bagnare le piante quando non c’è luce diretta del sole, meglio al tramonto, in modo che durante la notte il fiore possa sfruttare l’umidità: in caso contrario il sole potrebbe seccare o marcire. A intervalli regolari i fiori vanno concimati (con fertilizzante liquido per fiori), seguendo le linee guida indicate sui contenitori. In caso di vento forte, è buona regola rimuovere le cassette e metterle sul pavimento del balcone.