Come scegliere il drone

302
1634 0 come_scegliere_il_drone

Fino a poco tempo fa il drone era esclusivamente un prodigio dell’odierna tecnologia soprattutto militare, un velivolo senza pilota in grado di spingersi in zone remotissime o, in altri casi, di effettuare interventi e riprese dove l’uomo non è in grado di arrivare. Oggi i droni sono anche un oggetto per hobbysti, dal costo non eccessivo (anche poche centinaia di euro) e in grado di regalare ore di divertimento, oltre a suggerire centinaia di applicazioni utili con il semplice ausilio di una macchina fotografica o di una telecamera tipo GoPro. In primo luogo è bene sapere che una variabile fondamentale nella scelta del drone è il peso, e che quindi questo va stabilito a seconda del tipo di apparecchiatura che il drone dovrò sostenere in volo (ad esempio, se una piccola o una grande foto e videocamera). Questo perché scegliendo un drone non adatto per le specifiche della macchina le immagini potrebbero risultare mosse, rovinando così il piacere del volo. Naturalmente, se l’obiettivo è solo quello di farlo volare non è necessario essere così precisi nella valutazione del peso e della componentistica, che può del resto derivare dall’industria aeronautica o essere rigorosamente hobbystica.È necessario assicurarsi anche che i motori siano ben bilanciati, magari controllati in post produzione e sempre per minimizzare le vibrazioni, ed è bene anche controllare le eliche. I droni migliori vengono venduti “accompagnati” da un corso di formazione, spesso con simulatore. I droni possono poi essere dotati di particolari funzioni che possono essere molto utili per determinate tipologie di utenti, dal GPS integrato per la guida assistita al ritorno a casa automatico o “fail safe”, il pilota automatico, la telemetria, la trasmissione video a terra, la possibilità di controllare telecamera e videocamera da remoto e, naturalmente, l’autonomia, per non rischiare di scegliere un drone ben attrezzato ma che consenta solo voli molto brevi.