Rosa

266
82 0 Rosa

Il romanticismo. La passione. Le emozioni. Il fiore della Rosa riconduce esclusivamente ad un indirizzo: sentimento. La Rosa è il simbolo d’amore per eccellenza, riconosciuto in tutto il mondo, donato in tutto il globo, e che mantiene ancora oggi il primo vero primato nel linguaggio dei fiori. Un messaggio universale, letto e riletto in tutte le salse, in tutte le forme e costumi. Un fiore, la Rosa, che vanta la presenza nel pianeta con una incredibile selezione di specie. Pregiata e preziosa più dell’oro e dei diamanti. Che ha il potere di unire due persone, per l’eternità. La Rosa è così forte del suo tempo, che rimane una delle forme di dono più gradite, e forse una delle forme di pensiero più dirette. Regalare una rosa ad una donna la farà sentire unica, preziosa perla in un mondo di fiori colorati. La farà sentire il fiore più raro. Esistono nel mondo varietà di Rosa dalle più disparate caratteristiche, incroci e innesti di ogni genere che, nonostante la manipolazione dell’uomo, restano immortali nel loro distinguersi nel mondo dei fiori. La Rosa screziata, la rosa canina, la rosa gallica. Si dispone di ben 150 specie, fra ibridi e cultivar registrati. Ma la vera bellezza di questa varietà di fiore, sta nel suo essere sempre letta, al di là della preziosità della specie che si dona, o che si riceve. L’origine del nome della Rosa, è ancora perduto nel tempo. Ci sono molte scuole di pensiero, chi pensa che il suo nome derivi dal sanscrito e voglia significare ‘flessibile’. Altre scuole di pensiero legate a radici celtiche sostengono che le origini derivino dalla parola celtica ‘rood’ e significhi rosso. A noi piace pensare che per Rosa si intenda ‘pensiero’ d’amore. La Rosa necessita di un terreno ben drenato e calcareo. Un’ottima aggiunta al composto è il letame, in quanto è un elemento estremamente ricco di minerali. Preparare un terreno con un mix di torba, terra, concimi specifici per i parassiti e il letame è un buon punto di partenza per avere successo. La Rosa è una pianta difficile, ma se in precedenza si fa una buona azione di prevenzione verrà protetta dagli innumerevoli attacchi di parassiti e malattie. Con l’aggiunta di sostanze utili nel terreno viene garantita una vita rigogliosa e sicura. Un importantissimo movimento di prevenzione è senz’altro la potatura. Da effettuare con delicatezza e accorgimenti accurati. La potatura avviene per vari motivi: regolare la crescita, proteggere la pianta e eliminare i rami secchi, portatori di possibili parassiti. La messa a dimora va effettuata a ottobre. E al momento del rinvaso, che avverrà ogni due anni, sarà necessario aggiungere del letame per concimare il terreno. Aggiungere del concime granulare per completare l’opera è un mezzo completo per proteggere la nostra pianta di Rosa. Al momento della raccolta delle Rose, scegliere orari pomeridiani dove il sole è in fase di tramonto, e soprattutto fare attenzione a non recidere i boccioli più piccoli, essendo anche i più delicati si rischia creare disfunzioni di crescita della Rosa e di esporla a più malattie.