Mimose

344
76 0 Mimose

La Mimosa è ormai simbolo indiscusso della femminilità e della festa della donna. La Mimosa rappresenta il fiore della festa più solare dell’anno, un po’ per via della sua collocazione e un po’ per le sue divertenti e tenere infiorescenze. Con i batuffoli dall’intenso color giallo la Mimosa riempie di sorrisi ogni donna in festa. Curiosità poco conosciuta che riguarda la Mimosa è che, in realtà, la Mimosa è una vera e propria pianta di acacia dealbata. La vera Mimosa, infatti, a detta dei botanici, è un’altra piantina, di piccole dimensioni, con lo stesso nome e simili caratteristiche, ma con una stupefacente particolarità, assolutamente unica! Ed è la Mimosa pudica, una varietà sempreverde di pianta che è in grado di produrre batuffoli rosati davvero deliziosi, ma non è finita qui. La Mimosa è in grado di muoversi! Davvero. Al solo sfiorare delle foglie, la pianta di Mimosa pudica reagisce pudicamente in un movimento di chiusura che fa ritrarre tutte le sue verdissime foglie. Dopo pochi istanti, passato il momento di pericolo, tornerà nella sua posizione di partenza. In realtà la Mimosa pudica non reagisce per timidezza estrema, ma per azione di alcuni sensori di stimolazione contenuti nel suo apparato, questo fenomeno è detto: tigmonastica. Ma come coltivare la Mimosa? La Mimosa è una pianta tutto sommato rustica e non necessita di grandissime cure. Acquistare i semi in un vivaio sarà semplicissimo. In primavera, in vaso, ma ancora meglio se in giardino, verranno posti i semi facendo attenzione a tenerli un cm di distanza l’uno dagli altri. Per il terreno procedere con un mix di terriccio universale e torba. Aggiungere perlite è un piccolo escamotage per ridurre i rischi di parassiti. Concimare con fertilizzante liquido e diluito, mezzo tappo per un litro di acqua. Se coltiviamo la Mimosa in vaso resterà una pianta che raggiungerà un metro massimo di altezza. Se interrata, ben dieci metri! Parassiti: la Mimosa è attaccata dalla Cocciniglia. In caso di questi parassiti è consigliabile procedere con trattamenti specifici. Attenzione però a non abusarne perché una eccessiva dose potrebbe bruciare la nostra piantina. Ad ogni modo la Mimosa, che abbia fiorellini rosati, o gialli, resta indiscutibilmente il simbolo della gioia della donna di ricevere, anche in giorno di festa dei fiori. Uno dei doni più semplici e graditi di tutti i tempi. Donate i fiori tutti i giorni, perché infondo ogni giorno è importante, ogni nuovo giorno è sempre un giorno da onorare, ricordare, vivere.