Artemisia

343
57 0 Artemisia

Con un nome così particolare, etereo e caratteristico, la nostra bella piantina di Artemisia non può che presentarsi in tutto il suo splendore naturale. La pianta di Artemisia è una specie verde di piccole dimensioni, che si trova qua e là nelle zone verdeggianti delle campagne italiane.Con un nome così particolare, etereo e caratteristico, la nostra bella piantina di Artemisia non può che presentarsi in tutto il suo splendore naturale. La pianta di Artemisia è una specie verde di piccole dimensioni, che si trova qua e là nelle zone verdeggianti delle campagne italiane. Il nome scientifico che sta ad indicare questa pianta particolarissima è: Assenzio maggiore. Sì, proprio così. Con la pianta di Artemisia si ottiene uno dei distillati più magici e incantati. Il famosissimo distillato di Assenzio. Un distillato di Assenzio è un viaggio da vivere e da assaporare gusto dopo gusto, colore dopo colore. Infatti è proprio il suo intenso colore verde che fa echeggiare mistici riti magici di tempi lontani. Ma la preziosità della pianta di Artemisia non si ferma al suo unico utilizzo come pianta aromatica. L’Artemisia è anche applicata come pianta ad uso curativo. L’Artemisia appartiene di fatto alla famiglia delle Asteracee ed è stata spesso utilizzata come pianta officinale già nei tempi antichi. Oggi è soprattutto applicata nella realizzazione di buonissimi decotti. Dall’estratto di Artemisia vengono poi creati i liquori, compreso il famoso Vermouth, caratteristico liquore dal retrogusto molto amaro, che prende il suo gusto unico proprio grazie all’infuso della pianta di Artemisia. In termini etimologici possiamo dire che l’Artemisia prende diverse radici, pare venga direttamente dalla dea della caccia Artemide, e che sia legato anche alla parola greca ‘artemes’ parola che indica il concetto di ‘sano’. Forse perché di fatto è impiegata come pianta ad uso curativo, o forse per i famosi effetti benefici sull’uomo. Coltivare l’Artemisia è semplicissimo. Il terreno da scegliere è un semplice composto di comune terra e sabbia. L’Artemisia è una pianta rustica che non necessita di trattamenti speciali, per cui porre attenzione all’irrigazione è l’unica regola fondamentale. Porre la pianta in una posizione soleggiata. Non concimare per evitare il sovraccarico di nutrizione. Evitare anche la potatura in quanto renderebbe estremamente delicata l’Artemisia. Per chi volesse coltivarne il seme: interrare i semini in autunno e idratare con abbondanti innaffiature. Un altro modo di moltiplicazione è per mezzo di talee. Procedere con delicatezza tagliando i rami più giovani e interrare nel terreno. Idratare con cura. La nostra bella pianta di Artemisia non è solo buona, ma anche bella. Nella sua stagione di fioritura ci dona tantissime infiorescenze attinomorfi, di delicata bellezza. Riempirà in poco tempo il giardino di colori intensi che arrivano fino ad un giallo oro. Via alla coltivazione dell’Artemisia, una pianta millenaria, bella ancora oggi.