Vernici sintetiche e acriliche per modellismo

249
983 0 Vernici per modellismo

Per dipingere i modellini esistono in circolazioni diversi tipi di vernice, catalogabili in due tipologie: le vernici sintetiche e quelle acriliche. Hanno caratteristiche diverse, che ne determinano prezzi diversi (le prime sono più economiche) e diverse qualità (più alta per le acriliche). Vengono vendute sia in spray che in barattolo.Le vernici sintetiche, ovvero prodotti a base di resine alchiliche, sono le vernici più classiche, con una grande versatilità di impiego e un tempo di asciugatura medio/lungo. Offrono una buona copertura (sicuramente maggiore rispetto a quelle acriliche) e possono essere diluite con diluenti sintetici e acquaragie. Possono essere applicate su una notevole quantità di materiali: metallo, legno, diverse materie plastiche, vetro, vimini, sughero tra i principali. Sono lucide e brillanti e grazie alla loro essiccazione più lenta rispetto alle vernici acriliche, è adatta per le superfici estese. Il prezzo di queste vernici è basso proprio per le materie prime di cui sono fatte, più economiche rispetto a quelle utilizzate nella serie delle vernici acriliche.Le vernici acriliche hanno prezzi maggiori, in quanto garantiscono ottimi risultati e non sono particolarmente tossiche (inoltre hanno un odore più sopportabile); tuttavia si consiglia di utilizzarle con l’ausilio di una mascherina per proteggere i polmoni e in un ambiente ventilato (non sono completamente prive di agenti tossici). Particolarmente indicate per il modellismo statico, le acriliche asciugano velocemente e questo comporta pro e contro: da una parte non fanno perdere molto tempo, ma dall’altra non ne lasciano per eventuali ritocchi improvvisati. Sono inoltre meno coprenti delle vernici sintetiche ; per questo motivo sono utilizzate spesso con l’aerografo, uno strumento che meglio si presta per questo tipo di vernici. Le acriliche non hanno bisogno di diluenti specifici e sono quindi diluibili con acqua o alcol etilico, quello usato per i liquori. A volta si aggiunge anche del gesso, per far aderire meglio la vernice acrilica alla superficie su cui viene applicata (ma ne schiarisce il colore).