Precauzioni per pulire un acquario

121
1164 0 Precauzioni per pulire un acquario_ok

L’equilibrio di un acquario è molto difficile e delicato da mantenere, per questo quando si provvede alla sua pulizia è necessario osservare delle specifiche precauzioni che garantiscano una corretta manutenzione. Per prima cosa mai, proprio mai, inserire nell’acquario qualcosa che potrebbe contenere residui di detergente o di sapone; anche il secchio per il ricambio dell’acqua deve essere nuovo, così come lo spazzolino per pulire le decorazioni, mai usarne uno vecchio, perché le sostanze contenute potrebbero essere fatali ai pesci. Le mani devono essere sempre lavate con cura prima e dopo essere state inserite nell’acquario e aver toccato l’attrezzatura, meglio se con disinfettanti. I pesci non vanno messi nella rete durante l’operazione di cambio dell’acqua, perché in questo modo si arreca loro uno stress dannoso; se ci sono pesci molto piccoli, durante l’operazione di filtraggio si può provvedere a usare un filtro adatto che non rischi di catturare inavvertitamente gli esemplari. Se proprio non si può fare a meno di rimuovere i pesci dall’acquario, ci sono dei prodotti specifici da aggiungere all’acqua per ridurre il trauma. Anche il filtro, se contiene carbone, va sostituito almeno ogni due settimane. Se si usa acqua del rubinetto per sostituirla a quella dell’acquario è buona regola usare un addolcente (e magari approfittarne per aggiungere un prodotto contro le alghe sicuro per i pesci) perché le clorammine possono essere molto dannose; non basta far riposare l’acqua nuova un paio d’ore, perché questo neutralizza solo il cloro. In ogni caso le branchie dei pesci possono aiutare a capire se il livello di cloro è ancora troppo alto, quando sono rosso brillante allora bisogna intervenire. L’aspiratore deve avere le giuste dimensioni rispetto all’acquario, senza essere né troppo grande né troppo piccolo, e deve essere pulito con acqua bollente dopo ogni pulizia.