Partita a scacchi di Marostica

111
1132 0 Marostica

Fino al 28 settembre sarà possibile ammirare gli scatti della mostra fotografica “La Partita a Scacchi – Retrospettiva fotografica storica dal 1923 al 2012” presso il Castello Inferiore del comune vicentino a cura di Sergio Sartori (socio del Circolo Fotografico) e organizzata dalle associazioni Pro Marostica e Marostica Fotografia 1979 con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale. L’occasione è la celebrazione dei 60 anni della celebre partita a scacchi che si svolge ogni anno con personaggi viventi nella piazza di Marostica, raccontata dai 250 scatti che raffigurano dai primi anni della manifestazione fino all’edizione del 2012.Gli scatti sono tutti originali, alcuni dei quali inediti, altri invece già esposti in occasione del 50° anniversario del 2004, che raccontano, tramite ritratti, dettagli e particolari lo spettacolo che ha reso il comune di Vicenza tanto famoso in tutto il mondo e uno dei soggetti più fotografati d’Italia. Sono disponibili 150 immagini mai esposte, oltre a 20 opere fotografiche che hanno vinto il concorso “Immagini dal Medioevo”, sempre organizzato dall’Associazione Pro Marostica e da Marostica Fotografia 1979. I vincitori di questo contest infatti sono stati premiati con l’autorizzazione a fotografare la Partita a Scacchi nell’edizione 2014, in scena il 12, 13 e 14 settembre. La mostra è a ingresso gratuito con straordinarie aperture serali in corrispondenza di eventi particolari, tra cui la settimana della partita (dal 7 al 14 settembre).Marostica è nota in tutto il mondo proprio per la partita a scacchi in costume quattrocentesco che si svolge ogni due anni (in anni pari) con personaggi viventi nella piazza cittadina, nel secondo weekend di settembre. Questo evento rievoca una storica partita che si è svolta nel 1454 per la mano di Lionora, figlia del podestà veneziano Taddeo Parisio, ad opera dei due cavalieri Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara. Per questo motivo la cittadina vicentina viene anche soprannominata “la città degli scacchi”.