Musica classica

97
1010 0 Musica classica

Quando si parla di musica classica, si tende a pensare ad un genere “antico” riservato ai nobili del 1700, ma non tutti sanno che è molto più antico e ancora estremamente attuale (basti pensare alle rivisitazioni contemporanee portate avanti da compositori come Giovanni Allievi). La sua genesi va ricercata poco dopo l’anno 1000, anche se viene codificata a partire dal Seicento, con lo sviluppo e l’impiego dell’armonia tonale (il tipo di musica organizzata attorno ad un suono centrale). Nel ‘700 compositori come Franz Joseph Haydn e Wolfgang Amadeus Mozart posero le basi per la musica classica, che prende il via nel secolo successivo: la sua definizione, in riferimento alla musica colta europea, appare agli inizi del 1800, per consacrare due icone sacre del genere,  Johann Sebastian Bach a Beethoven , all’interno di quella che è ritenuta l’epoca d’oro della musica. Questo genere musicale in realtà è molto variegato e ricomprende diverse correnti, di cui è difficile indentificare elementi in comune. Tuttavia possiamo dire che l’elemento in comune a tutti i sottogeneri della musica classica è l’intervento dell’orchestra, dove figurano strumenti solistici come il pianoforte, il clavicembalo e l’organo: si tratta dell’orchestra sinfonica, laformazione musicale nota al grande pubblico per l’esecuzione della musica classica che comprende le famiglie degli archi, fiati e percussioni. Solo negli ultimi decenni, grazie alle innovazioni tecnologiche che hanno interessato anche il campo della musica, sono stati introdotti strumenti elettronici come il sintetizzatore, così come le tecniche digitali che permettono di generare suoni al computer.Il personaggio principale che domina l’orchestra è il direttore d’orchestra, il cui ruolo è quello di stabilire scelte musicali come l’andamento, indicando il tempo e coordinando i musicisti durante l’esecuzione di un brano. Lo scopo è ovviamente quello di stabilire un’armonia d’insieme, in un’interazione visiva con chi suona (gesti, mimica facciale e, spesso, movimenti con una bacchetta).