Le varianti della pallanuoto

89
858 0 Sport di squadra  le varianti della pallanuoto

La pallanuoto è uno sport molto popolare in Italia, in Europa, negli Stati Uniti e in Australia, e proprio in questi luoghi col tempo sono nate delle varianti dello sport originale con caratteristiche anche molto diverse, che permettono di praticarlo anche in contesti differenti dalla classica piscina. Tra questi c’è ad esempio la beach waterpolo, che a dispetto del nome è di origine italiana, e si distingue dalla pallanuoto per alcune differenze: un campo più piccolo, di 15 x 11,50 metri, con porte di 2,50 x 0,80 metri, e un diverso meccanismo di calcolo del punteggio finale, a punti come nel tennis e non più e non a tempi. Più spettacolare la canoa polo, dove i giocatori si sfidano a bordo di canoe (in realtà kayak) di circa 2-3 metri e larghe 50-60 cm, con protezioni su punta e coda. La palla è una normale palla di pallanuoto e si può giocare sia con le mani che con la pagaia, ma la porta (di 1 x 1,5 m) è sospesa due metri sul livello dell’acqua e protetta da un portiere che fa uso della pagaia per parare i tiri avversari. Il canoa polo ha una lunga storia anche in Italia, ed è dalla fine degli anni Settanta che si disputano competizioni di questa disciplina; il canoa polo fa altresì parte dei Giochi mondiali, che raccolgono sport popolari ma non ammessi al programma dei Giochi olimpici. Nel curisiossimo inner tube water polo, invece, i giocatori giocano all’interno di pneumatici, il che permette un galleggiamento più facile (che consente a tutti di praticare questo sport) e riduce la possibilità degli sprint; è un classico nelle università americane, con squadre miste. Infine va ricordato il surf polo, i cui giocatori disputano la partita sopra tavole da surf.