L’aglio

70
783 0 aglio_ok

L’aglio è una erbacea perenne di tipo bulboso che può raggiungere un’altezza di circa 60 cm. La pianta presenta delle grandi foglie lineari a punta con un margine ruvido, mentre la parte superiore presenta un’infiorescenza a ombrella i cui colori vanno dal bianco al rosato. Il bulbo è composto da numerosi bulbilli che si presentano come spicchi. È molto coltivato in tutta Italia.Fanno parte della stessa famiglia lo scalogno e l’erba cipollina. Questi ultimi si possono trovare anche allo stato selvatico. Di norma vengono usati i bulbi che, una volta raccolti, devono essere posti a seccare al sole e, successivamente, conservati in un luogo asciutto raccolti in mazzi o intrecciati. Per l’erba cipollina, invece, si utilizzano le foglie fresche perché una volta seccate, queste perdono le loro qualità.L’aglio contiene numerose vitamine (A, B1, B2, C, PP) ed è uno dei più potenti battericidi in natura. Ha anche qualità espettoranti, è un antisettico e ipotensivo. Ha inoltre la capacità di stimolare il cuore e la circolazione e la depurazione sanguigna. L’aglio viene usato principalmente nel cibo, ma anche come infuso e decotto per problemi relativi a dolori reumatici, catarro, febbre, influenza, pressione alta e vermi intestinali. Per curare nevralgie, deve essere tritato molto fine e posto sulla parte dolorante. Nello stesso modo si utilizza su calli e verruche. L’estratto di aglio è ampiamente usato nella preparazione di medicinali destinati a curare la pressione alta.Per quanto riguarda la cucina, è decisamente utilizzato moltissimo ed è uno dei principali ingredienti della cucina mediterranea. Ci sono tuttavia delle controindicazioni. È meglio evitare l’aglio se sofferenti di pressione bassa, irritazioni all’intestino e allo stomaco e malati di fegato.Ci sono molte storie nella tradizione popolare. Si dice che tenga lontani i vampiri e anche la pazzia e che abbia proprietà afrodisiache. Inoltre, nei periodi delle epidemie di colera, veniva utilizzato moltissimo per le cure di questa gravissima malattia e considerato miracoloso.