Hip Hop e Rap

119
1035 0 hip hop e rap_ok

Hip-Hop e Rap sono due generi musica declinati poi anche nella danza con molto assonanze ed elementi in comune. Nascono entrambi negli Stati Uniti e si sono poi diffusi in tutto il mondo. Presentano vari sottogeneri e appartengono alla cultura afroamericana (condiviso poi anche dagli ispano americani).L’hip-hop nasce come movimento culturale negli anni ’70. Si dice che sia stato DJ Kool Herc a parlare per primo di “hip hop” per descrivere la propria musica. Le persone che partecipavano alle sue jam session cominciarono a muoversi e ballare una danza chiamata B-Boying (Break – Boy e in seguito rinominata Breakdance) la prima vera danza Hip-Hop, basata sul free-style. Base di questo movimento culturale è stato quindi un nuovo modo di ballare dei giovani afroamericani e latino americani che si ritrovavano per strada, durante le occasioni dei Block parties. Anche il fenomeno del writing fortificò quel senso di identità che questi giovani trovarono nello spazio urbano: la città era uno spazio per esprimersi attraverso la musica. In seguito, negli anni ottanta e novanta, questa cultura ha attratto l’interesse dei media espandendosi in tutto il mondo. Oggi l’hip-hop non è solo una realtà americana: da genere degli afroamericani si è spostato anche verso la comunità bianca (basti pensare a Eminem, forse il rapper più noto del mondo) ma anche nei singoli stati del mondo, Italia compresa. Il rap invece può essere considerato conseguenza diretta dell’hip-hop e suo fulcro principale. Consiste nel “parlare cantando” attraverso una tecnica vocale eseguita da un MC (freestyler). Con il rap per la prima volta viene introdotta la tecnica dello scratch, ovvero l’effetto ritmico ottenuto con manipolazione della rotazione del disco in vinile sul giradischi, oggi sostituito dagli effetti ottenuti al computer. Il gruppo newyorkese Sugarhill Gang per primo ha utilizzato i campioni (samples) di musica preregistrata con il singolo Rapper’s delight. Uno dei primi a sperimentare questo genere in Italia è stato Jovanotti, anche se non si può parlare di vero e proprio rap, soprattutto i riferimento al contenuto dei suoi testi (per nulla impegnati). Negli anni poi si è discostato nettamente dal rap.