Come pulire i gioielli in oro

92
1034 0 Come pulire i gioielli in oro

Con il passare del tempo, i gioielli in oro tendono a perdere la lucentezza e la brillantezza originarie e ad assumere un aspetto opaco. Per riportarli allo splendore originarioè sufficiente effettuare una pulizia delicata ma attenzione; a seconda che si tratti di oro giallo o bianco, il procedimento è leggermente diverso.Nel caso i cui i vostri gioielli siano in oro giallo è necessario far bollire i preziosi in abbondante acqua all’interno di una casseruola. Dopo che ha raggiunto il bollore, va aggiunto del detersivo liquido per stoviglie e tolta la casseruola dal fornello. Dopo aver lasciato i gioielli immersi per circa un’ora, si devono sciacquare sotto acqua fredda, utilizzando anche una spugnetta morbida o uno spazzolino dalle setole morbide, nel caso siano rimaste tracce di sporco. Dopo averli ben asciugati con uno straccio in cotone, i gioielli vanno lucidati con del cotone imbevuto di alcool per le pulizie. Per quanto riguarda l’oro bianco, il procedimento da seguire è diverso, dato che la rispettiva colorazione dei due metalli deriva da una diversa formulazione della lega di cui sono composti. L’oro bianco è un metallo più delicato di quello giallo e per non dover ricorrere alle cure dell’orefice, è necessario procedere periodicamente ad una manutenzione ordinaria, lavando i gioielli con acqua e sapone neutro. In alternativa, in commercio esistono anche prodotti specifici per la pulitura e lucidatura dell’oro bianco.Se i gioielli in oro bianco sono però visibilmente ingialliti, purtroppo è necessario ricorrere alla rodiatura un procedimento che serve a ritoccare la placcatura di rodio sul gioiello, che può essere eseguito solo da un orefice. La rodiatura può essere effettuata anche su gioielli in oro bianco e pietre, ma è un trattamento abbastanza costoso.Se possedete quindi gioielli in oro giallo o bianco, con piccole attenzioni periodiche potrete assicurarvi sempre il miglior stato di conservazione.