Henri Cartier-Bresson all’Ara Pacis

156
1740 0 Henri_Cartier_Bresson_all_Ara_Pacis

C’è tempo fino al 25 gennaio per ammirare la mostra retrospettiva Henri Cartier-Bresson, fotografo francese, reportagista e grande viaggiatore, presso il Museo dell’Ara Pacis a Roma, a cura di Clément Chéroux. Un evento unico, una grande esposizione realizzata dal Centre Pompidou di Parigi in collaborazione con la Fondazione Henri Cartier-Bresson.La mostra viene presentata a dieci anni dalla morte di uno dei più importanti fotografi del ventesimo secolo: questa retrospettiva ripercorre cronologicamente il suo percorso, quello di un artista con un grande genio per la composizione e una straordinaria intuizione visiva. Sono esposte oltre 500 opere tra fotografie, disegni, dipinti, film e documenti che riuniscono le immagini più note ma anche quelle meno conosciute del grande maestro, per un totale di 350 stampe vintage d’epoca e 100 documenti tra cui quotidiani, ritagli di giornali, riviste, libri manoscritti, film, dipinti e disegni.La mostra propone una doppia lettura: da una parte c’è l’evoluzione dell’artista e del suo cammino come prefessionista, dall’altra la storia del ventunesimo secolo raccontata con i suoi scatti, dal Surrealismo alla Guerra Fredda, dalla Guerra Civile Spagnola alla seconda Guerra Mondiale e alla decolonizzazione, tutti rigorosamente in bianco e nero.L’esposizione è promossa da Clément Chéroux, storico della fotografia e curatore presso il Centre Pompidou, Musée national d’art moderne tra i più grandi esperti dell’opera bressoniana, da Roma Capitale Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è prodotta da Contrasto e Zètema Progetto Cultura.