Consigli per lo spinning

91
1498 0 consigli per lo spinning_ok

Non è sufficiente salire sulla spinning bike (e, anzi, è pericoloso) e pedalare alla massima velocità possibile per avere benefici dallo spinning. Ci sono infatti degli accorgimenti e dei piccoli “trucchi” di cui può beneficiare ogni praticante di questo sport in modo da massimizzare i risultati senza correre il rischio di infortunarsi o di fare tanta fatica per nulla. Per cominciare è fondamentale la posizione corretta: nella “seated flat”le braccia devono essere in lieve flessione e le mani impugnare con sicurezza il manubrio; nella “seated climbing” il bacino deve stare più indietro con le braccia flesse e il manubrio impugnato davanti alle curve laterali. Nella “standing flat” è necessario stare eretti sui pedali, coi glutei vicini alla punta della sella e le mani sul manubrio a un a distanza di circa 30 cm; nella “standing climbing” le mani sono in posizione avanzata e il corpo sollevato; nel “jumping” le mani tornano a 30 cm di distanza e il corpo deve essere sollevato e posizionato centralmente. Schiena dritta, piedi ben distesi nei pedali, testa dritta e niente mento in avanti. Anche la posizione che si occupa in palestra è importante; arrivando un po’ prima dell’inizio della lezione sarà possibile posizionarsi vicino all’istruttore, in modo da poter seguire i suoi movimenti e la tecnica, e da sentire le istruzioni che impartisce a voce. Prima dell’esercizio, va bene un pasto leggero, senza troppi liquidi, meglio frutta e verdura con la giusta quantità di grassi o uno snack con integratori. Bastano trecento o quattrocento calorie, sempre tenendo ben presente che non si deve iniziare nemmeno a stomaco completamente vuoto per non “crollare” a metà esercizio. In ogni caso, consultarsi col medico o col personal trainer è sempre importante in modo da poter avere un approccio bilanciato con le proprie caratteristiche fisiche e abitudini alimentari.