Come funzionano i modelli spaziali

141
1831 0 Come_funzionano_i_modelli_spaziali

Anche nel modellismo ci sono appassionati di fisica e astronomia. Sapere come funzionano i modelli spaziali permette di capire il funzionamento di modelli che tentano di riprodurre in scala decisamente ridotta cosa avviene nella realtà. Si tratta di modelli volanti costruiti con materiali leggeri, come cartone, legno o plastica e sono spinti da motori che si possono trovare facilmente in commercio. In quanto modellini una volta costruiti vengono usati e poi riutilizzati, incidenti esclusi. Per fare fronte a questa eventualità sono tutti dotati di sistemi di sicurezza che li riportano a terra senza conseguenze e danni, in modo da poter volare infinite volte. I modelli spaziali vengono lanciati da una rampa di lancio che guida il modello finché le forze aerodinamiche non sono sufficienti alla stabilità utilizzando un sistema elettrico comandato a distanza. Chiaramente più le dimensioni del modello aumentano, più è facile imbattersi in materiali dalla robustezza maggiore, dai quali è sempre escluso il metallo; eventualmente aumenta la potenza del motore. Il peso può variare quindi da pochi grammi a diversi chili e questi modelli possono raggiungere quote che superano i 30 metri.Qualunque sia la grandezza del modello, le fasi del volo sono tre:decollo: il motore viene acceso e spinge il modello a muoversi fino a quando il combustibile si esaurisce;volo inerziale: a combustibile esaurito, il modello deve continuare la sua corsa fino al completo esaurimento dell’energia e al raggiungimento della sommità della traiettoria. Il tempo necessario per questa fase dipende dal motore o da dispositivi elettronici;espulsione: raggiunta la sommità della traiettoria, il modello è quasi fermo e riprende a cadere verso terra. A questo punto interviene il sistema di recupero per riportare a terra il modello senza danni.