Il tesoro del Polluce all’Isola d’Elba

185
1435 0 il_tesoro_del_polluce_ok

Al Museo del mare di Capoliveri, all’Isola d’Elba, è stata allestita, in occasione dell’inaugurazione, un’interessante mostra dedicata al naufragio del piroscafo Polluce, avvenuto il 17 giugno del 1841. Si narra infatti che il Polluce, un piroscafo a vapore di proprietà della compagnia Rubattino, mentre navigava verso il porto di Genova, fu speronato ed affondato da un altro piroscafo, il Monginbello, quando si trovava a circa tre miglia da Capo Calvo. L’intero equipaggio e tutti i passeggeri, tranne uno, si salvarono, ma la nave si inabissò e scomparse per sempre, portando con sé un ricco tesoro, composto da monete d’oro e d’argento, pietre preziose ed altre ricchezze.Il naufragio del Polluce fu dimenticato nel corso dei decenni ed il mistero calò sulle sorti di quella nave, che rappresentava un vero e proprio gioiello per la marineria del tempo. Nel corso del Novecento ci furono alcuni tentativi di recuperare il carico, soprattutto da parte di ladri di tesori e specialisti provenienti da vari paesi del mondo, ma tutto ciò non fece altro che infittire il mistero intorno alla sua scomparsa, dato che nessuno fu in grado di recuperarlo.Oggi, dopo tanto tempo, una parte dei tesori del Polluce sono stati ritrovati, grazie all’intervento dei Carabinieri che hanno recuperato parte dei preziosi rubati da moderni pirati, ma soprattutto grazie ad un intervento mirato, organizzato dalla Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana e della Marina Italiana, che ha riportato a galla il relitto dal fondo del mare. Oggi i tesori del Polluce sono esposti al museo di Capoliveri in una mostra dedicata che resterà aperta fino alla fine ottobre 2014. I tesori in esposizione comprendono molti oggetti preziosi, come gioielli in oro, una serie di monete colonnati spagnoli d’argento da 8 reali, vasi e ceramiche, altri curiosi e tipici dell’epoca.Per informazioni: www.comune.capoliveri.li.it