Valutare un quadro

97
1754 0 valutare_un_quadro

Valutare un quadro significa prendere in considerazione una gran quantità di parametri, che vanno dalla qualità del dipinto all’importanza socio – culturale dello stesso fino alla notorietà dell’autore. La valutazione non è univoca ed è frutto di molte considerazioni, stabilite dalle gallerie.Prima di tutto viene valutato l’autore dell’opera. Tutto infatti parte dal coefficiente dell’artista nel mercato dell’arte, un valore aritmetico che può variare da 1 in su, in base a quanto è affermato. Sono tanti i parametri che determinano questo valore, dall’importanza della galleria che lo rappresenta a quella del critico che scrive per lui (la cui influenza è tanto elevata quanto più collabora con gallerie di rilievo e/o per artisti noti), dal numero di esposizioni personali e collettive che ha tenuto al livello di importanza degli eventi che le hanno ospitate.Un primo calcolo per determinare il valore dell’opera consiste nel sommare base ed altezza dell’opera, moltiplicare il risultato per il coefficiente e quindi ancora per 10. Si ottiene tuttavia un prezzo che è solo indicativo, perchè intervengono molti altri elementi. Tale coefficiente viene stabilito dalle gallerie, in accordo con gli artisti, sulla base del livello di affermazione dell’artista e della richiesta sul mercato delle sue opere.Discorso diverso per la valutazione di un’opera in occasione delle aste: dal momento che a monte viene stabilito un range di stima del valore dell’opera e un prezzo di riserva minimo segreto e concordato con il proprietario, spesso capita che l’opera venga venduta a un prezzo che sottovaluta o sovrastima il valore dell’opera e dell’artista.