Luciana Littizzetto

306
1814 0 luciana_littizzetto

Luciana Littizzetto è nata a Torino nel 1964. Oltre ad essere attrice e cabarettista di successo, è anche doppiatrice, conduttrice televisiva e radiofonica e scrittrice. Diplomata presso il Conservatorio di Torino in pianoforte, inizia a lavorare come insegnante di musica in una scuola media della periferia della città, dove trarrà spunto per i suoi lavori futuri di cabarettista.Si laurea con una tesi in storia del melodramma e frequenta una scuola di recitazione, iniziando a presentare degli spettacoli in piccoli teatri. Entra anche a far parte del cast della Rai, dapprima come doppiatrice e successivamente, dopo aver vinto il premio “Ettore Petrolini” ad un Festival di Cabaret di Aosta, partecipando al programma “Avanzi”.La sua notorietà cresce improvvisamente grazie al personaggio di Sabrina, la parodia di una ragazzina della periferia di Torino, ispirata dai suoi anni di insegnamento. Da questo momento è un susseguirsi di lavori, tra cinema, televisione, teatro e pubblicità. Da molti  anni è parte del cast della trasmissione “Che Tempo che fa”, condotta da Fabio Fazio, in cui commenta, con il suo personalissimo stile le  notizie di attualità.Luciana Littizzetto decide quindi di trasmettere la sua comicità irriverente e ironica anche in chiave letteraria.E’ del 1994 il suo primo libro “Minchia Sabbry! 365 giorni di storie acide” con l’editore Sperling & Kupfer.Segue il libro “Ti amo bastardo”. Ma è con “Sola come una gamba di sedano”, nel 2001, che ottiene un incredibile successo arrivando a vendere oltre un milione di copie. I successivi libri “La principessa sul pisello”  e “Col cavolo” (che chiudono la “Trilogia della verdura”), hanno lo stesso successo.Nel 2006, per Mondadori, pubblica “Rivergination” che in poche settimane raggiunge i primi posti nelle classifiche dei libri più venduti. Seguono ancora “La Jolanda furiosa”, “I dolori del giovane Walter”, “Madama Sbatterflay” e il libro / dialogo con Franca Valeri “L’educazione delle fanciulle. Dialogo tra due signorine perbene”.