La tecnica del Craklé

37
734 0 072_Crackle_Glass_by_mad_texture

Il Craklé è una tecnica per ottenere su degli oggetti dipinti una screpolatura. In questo modo l’oggetto assume un’aria più vecchia e vissuta. La screpolatura potrà essere più o meno marcata, in base alla lavorazione.Alcuni artigiani usano lavorare con la gomma arabica, altri con una speciale vernice, detta sandracca, che provoca col tempo delle crepe naturali, ma che è molto difficile da reperire. Ciò che provoca la screpolatura è la stesura di due vernici a poca distanza l’una dall’altra (in termini di tempo), con tempi di essicazione diversi. La vernice con una più rapida asciugatura si ritirerà creando delle spaccature.Esistono in commercio delle vernici speciali a base di acqua, atossiche e che possono essere usate da chiunque.Per la prima prova, potete usare una semplice scatola in cartone che potete trovare nei negozi di bricolage. Procuratevi dei colori acrilici bianco e oro, un pennello, carta per découpage, colla, porporina e le due vernici per il Craklé, denominate step 1 e step 2. Verniciate la scatola con il colore acrilico oro. Potete usare anche un altro colore, ma i risultati migliori li avrete con tonalità scure. Non aspettate che il colore si asciughi e, non oltre i 10 minuti, stendete la vernice step 1. Lasciate asciugare. Coprite quindi con il colore bianco (o altro colore più chiaro). Anche in questo caso non aspettate l’asciugatura e coprite bene ed uniformemente con la vernice step 2. Maggiore sarà lo spessore che applicherete con la vernice step 2, più le crepe risulteranno marcate. Attendete un’ora circa e vedrete le crepe che inizieranno a formarsi.Applicate la porporina su tutta la superficie con un pennello spugna. Questa si depositerà nelle fessure.A questo punto potrete abbellire la vostra scatola con la tecnica del découpage, ritagliando le immagini, incollandole e, volendo, ricoprendole con uno strato di vernice protettiva.