La doratura

66
732 0 070_la doratura indoratura restauro 60b

Il metodo della doratura è molto antico ed ha una storia di circa 3000 anni. Ci sono diverse tecniche per ottenere la doratura: a missione, a pigmento e a guazzo.Il metodo della “foglia d’oro zecchino” si utilizza solo più in casi eccezionali, poiché abbiamo ormai a disposizione altri prodotti che creano un effetto molto simile ma che sono più pratici ed economici.Esiste un prodotto molto simile all’oro, formato da una lega di rame, zinco e stagno. Attualmente gli artigiani tendono ad usare questo materiale.Il metodo più semplice, a livello di hobby, prevede l’utilizzo di un foglio d’oro in rotolo. E’ possibile trovare questo materiale in diverse tonalità, si applica con una colla superadesiva e può essere utilizzato anche dai bambini.Individuate le parti da dorare, e applicate la colla superadesiva con un pennello che potrete poi lavare con acqua.Se invece volete ottenere un effetto “doratura” più naturale, utilizzate un pennello spugna per distribuire la colla. Aspettate circa 20 minuti, ritagliate una parte della foglia d’oro e applicatelo sulla colla dalla parte opaca. A questo punto tamponate con un pennello a spugna asciutto. Tirate il foil da un angolo e tirate. In questo modo verrà dorata soltanto la parte desiderata dove avrete applicato la colla. E’ possibile ripetere l’operazione finché avrete raggiunto la giusta doratura.Nel caso doveste contornare uno spazio con delle linee, potrete usare del colore acrilico color oro, mescolato a della porporina. Otterrete dei bellissimi effetti di luce.Potrete utilizzare la tecnica della doratura anche per i lavori di découpage, dorando ad esempio lo sfondo e incollandoci poi sopra le vostre immagini. In questo caso, gli effetti più belli si ottengono con dei ritagli sui colori del bianco e del nero opportunamente invecchiati con una lacca anticante. A questa, potrete aggiungere a piacere un po’ di polvere di porporina.