La fotinia

266
1119 0 Fotinia.JPG

La Fotinia (o Photinia) è un arbusto sempreverde molto usato per le siepi. E’ un ibrido di origine australiana molto vigoroso, con una folta chioma. La varietà più conosciuta e utilizzata è la Red Robin, caratterizzata da foglie di colore lucido. Le caratteristiche delle fotinie, sono la grande resistenza a differenti climi, il vigore e la totale assenza di problemi per chi le coltiva.Il fogliame è molto bello. Le nuove foglie e i germogli sono di colore rosso, talvolta tendente al bronzo. Soltanto dopo un po’ di tempo assumeranno il colore verde. In primavera, oltre ad emettere le nuove foglie di colore rosso, la pianta fiorisce producendo delle infiorescenze dalla caratteristica forma ad ombrello, costituite da piccoli fiori bianchi e profumati.Le fotinie vengono normalmente coltivate per creare delle siepi, ma possono anche essere messe a dimora come esemplari singoli, divenendo in breve tempo dei bellissimi e folti cespugli.Come detto, è un arbusto molto facile da coltivare, per questo è diventato molto popolare e viene spesso utilizzato anche per il verde pubblico e nelle aree spartitraffico. L’unica cosa che patisce la fotinia è il ristagno d’acqua nel terreno che tende a far marcire le radici.. Per questo è necessario drenarne bene il terreno, aggiungendo ogni tanto del terriccio fresco, dello stallatico e dei ciottoli di argilla espansa per migliorare il drenaggio.Nel caso vogliate creare una siepe di Fotinie, ponete le piante ad una distanza di circa un metro l’una dall’altra, in considerazione che sono piante vigorose e che si allargheranno molto. La messa a dimora deve avvenire in primavera o autunno, periodi più favorevole ai trapianti. Appena trapiantata la Fotinia, annaffiate per un breve periodo più abbondantemente. Dal periodo estivo, invece, fornite l’acqua necessaria quando il terreno sarà asciutto. Durante il periodo vegetativo è buona norma fornire del nutrimento con del fertilizzante a lenta cessione.