Internazionale a Ferrara 2014

50
1367 0 Internazionale a Ferrara 2014.JPG

I giorni 3, 4 e 5 ottobre si terrà a Ferrara il Festival Internazionale: un weekend di incontri con giornalisti, scrittori e artisti provenienti da tutto il mondo. L’ingresso agli eventi è libero e gratuito, tranne quello ai documentari (previsto comunque accesso prioritario a donne incinta e a diversamente abili) che quest’anno comprendono gli inediti di Mondovisioni a cura di CineAgenzia e  la rassegna di audiodocumentari Mondoascolti a cura di Jonathan Zenti e Audiodoc (prezzo: 3 euro). Tutti gli eventi si svolgono nel centro storico di Ferrara, che si può raggiungere facilmente a piedi o in bicicletta. Dal 2009 inoltre il festival organizza il premio giornalistico Anna Politkovskaja, per ricordare la giornalista russa uccisa nel 2006, quest’anno assegnato alla giornalista e attivista siriana Maisa Saleh, che ha preso parte alle proteste pacifiche contro il governo siriano.Nato nel 2007 il Festival è organizzato dal Comune di Ferrara, dalla Provincia di Ferrara, dall’Università degli Studi di Ferrara, dalla rivista Internazionale e Arci Ferrara, insieme alla Regione Emilia-Romagna, alla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e all’Associazione IF. Questa edizione prevede la partecipazione di ben 30 paesi, oltre 100 incontri e 230 ospiti da 4 continenti. Filo conduttore di questa ottava edizione sarà l’informazione: dal giornalismo d’inchiesta al giornalismo economico al giornalismo narrativo, che saranno analizzati sotto diversi punti di vista.Tra gli ospiti presenti nelle scorse edizioni del festival tanti nomi noti nel panorama culturale e letterario italiano, tra cui: Roberto Saviano, Amira Hass, Arundhati Roy, Noam Chomsky, Lucia Annunziata, Gad Lerner, Daria Bignardi e molti altri. Nel corso degli anni il festival ha affrontato e continua ad affrontare tematiche di grande attualità e di rilevanza sociale, economica e politica, che suscitano l’interesse e il coinvolgimento di un pubblico sempre più numeroso. Tra gli ospiti di quest’anno invece ci saranno il direttore del Washington Post Martin Baron, il giornalista francese Edwy Plenel, ex direttore della redazione di Le Monde e fondatore del giornale online Mediapart, la scrittrice e attivista messicana Lydia Cacho, il presidente della Walt Disney Animation Studios e della Pixar Edwin Catmull, la ministra degli esteri italiana Federica Mogherini e molti altri.