IMZ-Ural

136
930 0 MODELLISMO   Veicoli   Sidecar. Le IMZ Ural

I sidecar IMZ-Ural sono tra i più famosi del mondo, e vengono prodotti in Russia dal 1940. Solo recentemente è stata prodotta una motocicletta Ural priva di sidecar. Le IMZ-Ural discendono direttamente dai piani di progettazione di moto e sidecar BMW, di cui i russi erano entrati in possesso durante la seconda guerra mondiale. Stalin ordinò infatti che l’esercito si preparasse a un’eventuale invasione nazista con tutti i mezzi a disposizione, appunto anche i sidecar, di cui il primo esemplare sovietico fu l’M-72.La produzione incominciò in modo massiccio, con gli stabilimenti che continuavano a spostarsi verso l’interno della Russia man mano che i bombardamenti nazisti avanzavano; a un certo punto i locali di fabbricazioni dei sidecar Ural si trovarono in una vecchia birreria. Vennero comunque costruiti quasi diecimila esemplari durante il secondo conflitto mondiale, e per il 1950 era già stato ultimato il sidecar numero 30.000. I sidecar Ural vennero affiancati dopo la fine della guerra da quelli ucraini Dnepr (in realtà KMZ, cioè Fabbrica Motociclette Kiev), a loro volta con un modello M-72. I sidecar Dnepr e Ural vennero indicati genericamente come “Cossack” e costituirono gran parte dell’esportazione in stati europei come l’Inghilterra da parte della Satra, l’industria motoristica americano-sovietica. Tra le caratteristiche più note dei sidecar Ural già a partire dall’originaria M-72 c’è la trazione inseribile senza differenziale anche sulla terza ruota, che rende il veicolo più affidabile e maneggevole anche in fuoristrada, anche se questo tipo di sidecar rimane in qualche modo difficile da guidare e c’è il continuo rischio di capottamento nelle curve: addirittura, la ditta importatrice dei sidecar Ural in Italia offriva qualche anno fa un corso di guida di tre giorni compreso nel prezzo del veicolo. Oggi le Ural montano però componentistica da note case come Ducati e Nissin e sono molto più sicure.