Giacomo Leopardi

29
1041 0 Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi è nato a Recanati il 29 giugno 1798. Non è stato solo scrittore e poeta, ma anche filosofo e glottologo.Viene considerato uno dei più importanti poeti dell’Ottocento, non solo in Italia ma a livello mondiale, esponente del romanticismo.La famiglia di Giacomo Leopardi era una delle famiglie più nobili del paese e ricevette la prima educazione da due precettori ecclesiastici. Oltre agli studi di latino, teologia, filosofia e scienze, Giacomo estese la sua cultura anche grazie alla biblioteca del padre, con oltre ventimila libri.A soli undici anni compone La morte di Ettore, iniziando la sua produzione letteraria.A quattordici anni, i suoi precettori decisero di interrompere gli insegnamenti per la già grande cultura raggiunta dal ragazzo. A questo punto Leopardi si immerse in sette anni di studi autodidatti durissimi che minarono addirittura la sua salute. Imparò perfettamente il latino, e studiò il greco, l’ebraico, il francese, il sanscrito, l’inglese e lo spagnolo, scrivendo allo stesso tempo opere di grande impegno, come Storia dell’Astronomia.Fu verso il 1815 che Giacomo Leopardi ebbe una importante crisi spirituale che lo spinse verso la poesia. E fu proprio in questi anni che iniziò ad avere grossi problemi di salute, problemi alla schiena, dolori, problemi cardiaci e respiratori, ma anche parestesie. Ebbe una crescita ridotta, arrivando soltanto a un metro e quarantuno. Tutto questo gli provocò delle profonde crisi depressive.A diciannove anni, divenne consapevole della provincialità del suo paese e iniziò a desiderare di fuggire e visitare altri luoghi. Iniziò anche l’importantissima corrispondenza con Pietro Giordani, che riconobbe le grandi capacità letterarie del ragazzo. Furono di quel periodo i componimenti L’infinito e Alla luna.Dopo il 1822 iniziò a viaggiare in diverse città d’Italia.Tutta la vita di Leopardi fu segnata dal dolore e fu il dolore a dar forma ai suoi scritti e ai suoi componimenti. Il 14 giugno 1837 Leopardi morì improvvisamente a Napoli dopo un malore.