Elicriso

75
1116 0 Elicriso

L’elicriso è una pianta perenne ed è denominato anche “semprevivo” grazie alla sua capacità di mantenere il colore dei fiori a lungo insieme al suo profumo. Il suo nome deriva dal greco “sole” e “oro”. Ha un portamento compatto, con fusto legnoso e radici fusiformi e può raggiungere un’altezza di 30 centimetri.Le foglie hanno una forma fine, lunghe cinque centimetri. L’elicriso si trova in natura nell’Europa meridionale e, principalmente nell’area mediterranea, ma è possibile trovarla fino a 800 metri d’altezza. Predilige i terreni aridi, assolati e rocciosi.La fioritura è prolungata; dalla primavera fino all’inizio dell’autunno.La pianta dell’elicriso, oltre ad essere utilizzata nelle aiuole, ha anche delle caratteristiche curative. E’ infatti ottima per combattere le malattie respiratorie (bronchiti, laringiti, tracheiti), attenua i sintomi dell’asma, è un buon espettorante e facilita la sudorazione. L’olio essenziale ricavato dall’elicriso ha proprietà antinfiammatorie delle vie respiratorie.L’elicriso si può usare anche in cucina, per condire risotti, nei ripieni, con la carne e il pesce.La pianta dell’elicriso si può coltivare facilmente. E’ una pianta rustica con una buona adattabilità. Ha bisogno della luce solare per potersi sviluppare al meglio. E’ bene posizionare la pianta in una zona riparata dal vento e fare molta attenzione ai ristagni d’acqua. Per questo è necessario porre molta attenzione a non bagnare in modo esagerato. E’ sempre bene aspettare che il terreno sia asciutto prima di fornirgli altra acqua.L’elicriso resiste bene alla siccità e anche al freddo moderato.Se la temperatura può scendere sotto lo zero, è meglio proteggere la pianta dal gelo, in serra o con i teli appositi.Durante i periodi caldi, ma solo ogni due anni, aggiungete del fertilizzante, per aiutarla a svilupparsi meglio e per ottenere una ricca e prolungata fioritura. L’elicriso si può moltiplicare per talea, per divisione dei cespi o anche per seme.