Come collezionare le cartoline maximum

95
1796 0 come_collezionare_le_cartoline_maximum

Nella maxifilatelia o maximafilia, collezionando cartoline maximum, l’attenzione è rivolta sia alle cartoline stesse che ai francobolli e agli annulli postali. Rispetto a una comune collezione di francobolli c’è forse meno attenzione verso i dettagli del pezzo, al contrario della filatelia classica dove ogni variazione di dentellatura e filigrana è degna di un’analisi a parte. Non per questo la collezione di cartoline maximum è in qualche modo meno “degna” della sua sorella maggiore, e anzi conoscenze avanzate di filatelia sono fondamentali per allestire una raccolta degna di questo nome e organizzata con criterio. Per prima cosa è necessario scegliere un tema, che sia congeniale al collezionista o dove magari, meglio ancora, lui abbia delle conoscenze pregresse; dall’ex pilota che si dedica alla collezione di maxicartoline aeree allo studioso di storia dell’arte che si specializza in esemplari sui duomi italiani, un supplemento di conoscenze di certo sarà un valore aggiunto per la collezione. La cartolina può essere acquistata molto prima del corrispondente francobollo, per il quale vanno tenute d’occhio le emissioni italiane o straniere o anche dei vari Stati ospitati all’interno della penisola, come il Vaticano o San Marino, o degli ordini come quelli di Malta. Nel caso non si abbia ancora a disposizione la cartolina per un valore bollato di nostro interesse è bene telefonare direttamente nelle edicole o cartolerie dei luogo in questione per sapere se esistono riproduzioni su cartoline del tema cercato, e in caso positivo farsela inviare.A questo punto tocca all’annullo postale; la soluzione migliore, potendo, è usare quello del primo giorno di emissione, altrimenti basterà inviare la maxicartolina nell’ufficio postale della città che ospita il soggetto ritratto. Al giorno d’oggi Internet rende ancora più facile scegliere il tipo di annullo e ricevere tutti i chiarimenti del caso in caso di necessità.