Allergia al pelo del gatto

68
1771 0 Allergia_al_pelo_del_gatto

L’allergia al pelo del gatto è una forma di allergia tra le più diffuse nel mondo. I sintomi sono molto chiari: starnuti, prurito, congiuntivite ed asma sono causati da un allergene che che si diffonde nell’ambiente in cui viviamo con il nostro gatto. Per scoprire se possediamo questa allergia esiste un apposito test che determina quindi la necessità o meno di un vaccino adeguato. Non esiste una cura che debelli questo allergene ma si può fare una terapia di desensibilizzazione. Tra i rimedi più comuni ovviamente la pulizia della casa è il primo, ma spesso non basta (soprattutto in casi di allergie molto forti). Le reazioni allergiche dovute all’allergia al pelo del gatto sono piuttosto comuni: innanzitutto il prurito, tipico di qualsiasi allergia, che interessa gli occhi, il naso e la gola; poi la lacrimazione oculare che può peggiorare in congiuntivite; quindi starnuti e asma. Sono tutti sintomi che si distinguono dal comune raffreddore perché non comportano il mal di gola, che inevitabilmente accompagna le forme di raffreddore, e i sintomi si manifestano molto rapidamente.Il test per l’allergia al pelo del gatto serve per capire come i nostri anticorpi reagiscono nei confronti di uno specifico allergene. Il cosiddetto prick test consiste nell’iniezione nella pelle di una minima quantità di allergene: se gli anticorpi del paziente sono attivi nei suoi confronti, allora si nota una reazione di gonfiore sulla zone in cui è stata applicata la sostanza del test.Non esiste una cura per questo tipo di allergia: si possono alleviare i sintomi con lo spray nasale oppure con antinfiammatori come il cortisone (che però ha spesso degli effetti collaterali). Esiste anche un vaccino contro l’allergia al pelo del gatto ovvero una somministrazione che deve essere effettuata con continuità per un periodo che può variare dai tre ai cinque anni (ed è lo specialista allergologo che lo prescrive).