Baccalà alla vicentina

121
1453 0 baccala vicentina

Il baccalà alla vicentina è una ricetta piuttosto complicata da preparare e che richiede una lunga cottura a fuoco lento. Viene servito con la polenta, per esaltare il suo sapore intenso e consentire meglio di gustare i diversi aromi che contiene.Ingredienti: 700 gr di baccalà, 750 cl di latte, 1 cipolla, 2 spicchi d’aglio, 5 acciughe, 3 cucchiai di farina bianca, 50 gr di parmigiano o grana, 2 chiodi di garofano, 2 cucchiai di prezzemolo tritato, vino bianco, 50 gr di burro, olio extravergine di oliva, sale e pepe.Preparazione: se avete comprato il baccalà secco, mettetelo in ammollo per tre giorni, in una pentola piena d’acqua con un cucchiaio di bicarbonato. Se invece il vostro baccalà è già stato ammollato, lavatelo, pulitelo dalle lische, togliete la pelle e tagliatelo a pezzetti in una terrina. Insaporite il pesce con sale, pepe e chiodi di garofano, infarinatelo e riponete i pezzi in una teglia da forno, spolverandolo con una manciata di parmigiano.In un tegame rosolate intanto dell’olio con un trito di cipolla e aglio, unite le acciughe ed il prezzemolo e bagnate il tutto con una spruzzata di vino bianco secco. Dopo aver lasciato evaporare il vino, aggiungete il latte caldo ed il burro tagliato a piccoli pezzi. Versate la salsa ottenuta sul pesce e mettete il tegame sul fuoco. Quando raggiunge il bollore, mettete la teglia in forno e lasciatelo cuocere finché non si sarà riassorbito il condimento. Il baccalà deve cuocere a lungo a fuoco lento. Un’alternativa è quella di lasciarlo cuocere in padella per circa quattro ore a fiamma molto bassa.Una volta pronto servite il baccalà con la polenta, come da tradizione.