Armin Zöggeler

98
1251 0 armin_zoggeler_ok

Uno dei più grandi atleti italiani viventi, nonché massimo campione della storia dello slittino, è il meranese Armin Zöggeler, considerato dagli appassionati una vera leggenda. Il suo palmarès è a dir poco impressionante: sei titoli mondiali, quattro titoli europei e addirittura dieci Coppe del Mondo di specialità. Ricchissimo il medagliere alle Olimpiadi, con due ori, un argento e tre bronzi: sei medaglie in altrettante edizioni consecutive dei Giochi, che lo consacrano come l’unico atleta nella storia dello sport ad esserci riuscito nella stessa disciplina. Zöggeler infatti vanta fra i suoi innumerevoli titoli un primo bronzo vinto a Lillehammer nel 1994, un argento a Nagano nel 1998, un oro a Salt Lake City 2002, un secondo oro a Torino 2006, un bronzo a Vancouver 2010 e infine un bronzo a Soci 2014 che consacrò vent’anni esatti di carriera atletica ai massimi livelli. Zöggeler è cresciuto in uno dei “luoghi sacri” dello slittino italiano, Foiana nel comune di Lana, e ha iniziato a praticare lo slittino fin da bambino. Vinse la prima gara internazionale a solo undici anni e la prima Coppa del Mondo juniores a sedici anni. Sulla Cesana Pariol, prima pista italiana che ospiti manifestazioni internazionali dai tempi di quella ormai dismessa di Valdaora, Armin Zöggeler è imbattuto ed è anche l’unico atleta riuscito a scrivere il suo nome nell’albo d’oro dei vincitori di una gara a livello assoluto nella specialità del singolo: ha infatti conquistato oro olimpico, titolo mondiale, titolo europeo e vinto tutte le quattro gare lì disputate di Coppa del Mondo, diventando di fatto l’assoluto e unico dominatore della pista. Nel 2014 a Soci Zöggeler è stato il portabandiera della delegazione italiana ai Giochi olimpici, terzo slittinista della storia dello sport italiano ad avere questo onore dopo Paul Hildgartner e Gerda Weissensteiner.