Philip Kindred Dick

116
1837 0 philip_k_dick

Philip Kindred Dick è nato a Chicago il 16 dicembre 1928 ed è morto a Santa Ana il 2 marzo 1982. È stato uno scrittore di fantascienza, divenuto però molto famoso dopo la sua morte, sia negli Stati Uniti che in Europa, grazie anche al film Blade Runner, ispirato ad un suo romanzo. La sua produzione, spazia quasi esclusivamente nella fantascienza,  collocandosi ormai tra i classici della letteratura contemporanea L’autore è ora considerato un precursore del cyberpunk, Gli argomenti maggiormente trattati sono quelli della manipolazione sociale e degli scontri tra esseri umani e non umani, come alieni o androidi.Philip K. Dick ha frequentato l’Università di Berkeley, in California, ma non ha potuto finire gli studi a causa delle sue convinzioni pacifiste. In quegli anni, infatti, per proseguire gli studi universitari, era obbligatorio frequentare un corso di addestramento militare. Il primo racconto di fantascienza “Stability”, lo scrisse nel 1947. Ma fu nel 1952 che iniziò a pubblicare romanzi e numerosi racconti.Philip K. Dick assumeva anfetamine, prescritte dal suo psichiatra che gli aveva diagnosticato una leggera forma di schizofrenia. Lo scrittore faceva largo uso di queste sostanze anche per combattere degli stati depressivi, e diventò successivamente tossicodipendente. A causa della sua instabilità ebbe numerose mogli da cui divorziò.Fu costretto a farsi ricoverare in una comunità e riuscì a uscire dalla tossicodipendenza. Tuttavia, la sua instabilità peggiorò. Per anni soffrì di allucinazioni che lui viveva come esperienze mistiche o segnali di una doppia esistenza. Queste esperienze influirono notevolmente sui temi della sua produzione letteraria.Morì per un arresto cardiaco proprio nel momento in cui le sue opere iniziavano a dargli una certa sicurezza economica e mentre si stavano svolgendo le riprese di Blade Runner.Philip K. Dick scrisse moltissimi romanzi e racconti. Fu nella metà degli anni cinquanta che iniziò a scrivere romanzi, ma fu negli anni sessanta che creò i suoi capolavori. Primo fra tutti è “La svastica sul sole” un romanzo ambientato su una Terra in cui  la seconda guerra mondiale è stata vinta dai nazisti. Altro grande romanzo fu “Il cacciatore di androidi” che ispirò successivamente il film Blade Runner.