Il treppiede

115
501 0 Fotografia   il treppiede.JPG

Il treppiede è tra gli attrezzi indispensabili del fotografo professionista, ma per chi non si accontenta delle semplici foto delle vacanze e vuole creare immagini davvero belle – ad esempio aumentando il tempo di esposizione senza volere l´effetto “mosso” – è certamente l´apparecchio da mettere in valigia.Per prima cosa un treppiede dev´essere robusto e capace di supportare tutto il peso della reflex, per evitare che possa cedere facendo cadere e magari danneggiare obiettivi preziosi. Cercate sempre treppiedi che reggano almeno il 30% in più della vostra attrezzatura. Ricordate che più stabile è un treppiede meno si sentiranno sulla fotografia gli effetti di micromovimenti e vibrazioni.Naturalmente bisogna scegliere un treppiede di buona trasportabilità, soprattutto se si ha un´attrezzatura pesante e il treppiede rischia di rendere veramente arduo portare tutto il materiale per un buono shooting. Meglio quindi materiali leggeri come la fibra di carbonio, anche se il costo non è indifferente.È importante che il treppiede abbia la possibilità di montare la colonna in orizzontale, soprattutto se si devono effettuare fotografie macro. Anche la possibilità di eliminare la colonna centrale è un plus, perché in questo modo si può usare il treppiede anche ad altezze ridottissime, inferiori ai 20 cm.Non dimentichiamoci di dare un´occhiata anche alla massima altezza che può raggiungere il treppiede – almeno 120/130 cm – e ai piedini; ad esempio, se contiamo di fare molte fotografie in ambiente naturalistico e quindi su terreni non stabili, potrebbe essere utile acquistare un modello di treppiede con i piedini di metallo telescopici, in modo da poterli piantare nel terreno per una maggiore sicurezza. Se intendiamo misurarci nella fotografia naturalistica, via libera a colorazioni mimetiche anche per il treppiede, soprattutto se è particolarmente ingombrante (verde, marrone, altri colori neutri). Un trucco da professionisti: la bolla di livello per garantire un allineamento perfetto.