I filtri in fotografia

55
498 0 Fotografia   i filtri

I filtri fotografici sono speciali accessori che permettono di modificare l´immagine con vari effetti: è possibile variare la luminosità, il colore, il contrasto e così via. Ne esistono anche versioni “digitali” – come quelli che si usano su Instagram e sugli altri programmi di fotografia per smartphone e cellulari, che sono in realtà effeti di post-produzione aggiunti all´immagine in modo da ricreare le peculiari atmosfere dei vecchi apparecchi fotografici.I filtri a densità neutra diminuiscono la quantità di luce che raggiunge la pellicola o il sensore, permettendo di scegliere tempi di esposizione più lenti o diaframmi più aperti. Vengono indicati con gradazioni da ND2 a ND16. Il filtro ultravioletto, diffusissimo e quasi “standard” in molti apparecchi fotografici, permette di assorbire quelle lunghezze d´onda che pur impercettibili all´occhio umano vengono invece registrate dalla pellicola creando un fastidioso e distorcente “effetto foschia”. I filtri di conversione colore, dal canto loro, vengono tarati su una particolare temperatura di colore per eliminare eventuali dominanti cromatiche date dalle particolari condizioni di luce in cui si scatta la fotografia (la luce solare, ma anche la luce artificiale al tungsteno). Simili sono i filtri per la correzione colore, ma si tratta comunque di effetti che possono venire corretti in post-produzione col bilanciamento del bianco. Popolari, infine, i filtri per il bianco e nero, che permettono di manipolare il contrasto di un´immagine, e soprattutto il filtro polarizzatore, che elimina molti riflessi impedendo il passaggio della luce riflessa ma consentendo quello della luce diretta, in modo da restituire l´aspetto “reale” della fotografia.I filtri creativi invece sono oramai in disuso, perché sostituiti direttamente dalla post-produzione nel fotoritocco; esistono ad esempio filtri digradanti, con una zona trasparente che sfuma verso una zona opaca per creare particolari effetti atmosferici, o i filtri flou o soft-focus, che “ammorbidisce” la figura nella ritrattistica.