Gioielli in giada

165
1518 0 giada

La giada è una pietra semipreziosa, molto amata in Oriente, tanto che esistono diverse leggende ed usanze legate a questa bellissima pietra. Ancora oggi in Cina è tradizione regalare un oggetto in giada ad un neonato, come augurio di prosperità e serenità. Fin dall’antichità è considerata una pietra magica ed addirittura più preziosa dell’oro dalle popolazioni dell’America precolombiana e,  per la sua resistenza,  veniva impiegata anche per la costruzione di armi ed utensili.Quella che viene comunemente chiamata giada in realtà può indicare due diversi minerali: la nefrite e la giadeite. La prima può presentarsi con diverse tonalità di colore, che vanno dal nero al verde scuro, dal marrone al giallo e al bianco, mentre la giadeite può essere verde, gialla, porpora, rosa, bianca, arancio, bluastra, marrone e grigia. La più preziosa è la giada imperiale di colore verde brillante. Oggi viene estratta principalmente da giacimenti nei territori di Cina centrale, Urali, Siberia, Turkestan, Tibet, Messico, Sud-America, Isole Britanniche, ma la giada della Birmania è oggi la più richiesta.I gioielli in giada, soprattutto ciondoli, anelli ed orecchini, sono davvero belli, soprattutto se realizzati in abbinamento con brillanti, perle, rubini e corallo. Tra le ultime collezioni di alta gioielleria, ne troviamo degli esempi molto diversi tra le realizzazioni di Vhernier, con le sue linee pulite e semplici e di Pasquale Bruni, che li propone in versione floreale. Baldi Gioielli ha realizzato invece una parure completa, abbinandola all’oro bianco, con un risultato davvero elegante. Molto comuni , abbastanza economici e belli da regalare sono i ciondoli a forma di Buddha, soprattutto se siete di ritorno da un viaggio nei paesi orientali. Per saperne di più sulla storia di questa bellissima pietra: www.gemstone.org