Costruire un tiragraffi per gatti

103
1459 0 Animali – Animali da compagnia – Abbigliamento e accessori

I gatti sono animali meravigliosi, ma sono capaci di trasformarsi in vere furie soprattutto sui nostri mobili, le tende, le tovaglie e i tappeti. Non è colpa dei poveri mici: farsi le unghie per loro è essenziale, e se non viene permesso loro di effettuare quest’importante operazione c’è il rischio che si arrampichino su un albero e non essere poi capaci a tornare giù. La cosa migliore da fare per salvare capra e cavoli è costruire un tiragraffi per il micio e abituarlo ad usarlo, premendo dolcemente sulla zampina in modo da far uscire gli artigli e passandoli, senza spaventare il gatto o fargli male, sulla superficie del tiragraffi. Il gatto ama arrampicarsi, quindi il tiragraffi ideale deve prevedere diverse piattaforme su più livelli sulle quali appollaiarsi. Una buona idea è quella di avvolgere una corda intorno alla base in modo che possano iniziare a graffiare da lì: con un po’ d’attenzione, questo semplice accessorio può trasformarsi in un vero parco giochi per il gatto. Altri buoni materiali sono il legno e la moquette, ovviamente disposti in modo che rispetti le abitudine specifiche del gatto (tanti trespoli se ama arrampicarsi, un rifugio coperto e ricoperto dalla moquette se invece è piuttosto pigro). Il tiragraffi può essere costruito con dei pezzi di compensato sovrapposti e incollati fino a creare una base quadrata di 60 centimetri per lato, da ricoprire poi con la moquette o con dei pezzi di tappezzeria resistente. Il tutto va poi fissato con la spara-punti. Anche i supporti verticali vanno fissati alla base e, se è il caso, a loro volta ricoperti. In alternativa si può anche usare una vecchia scala in legno, che coi suoi gradini già presenta delle perfette piattaforme ideali per i gatti: basta anche in questo caso ricoprire i gradini con la moquette e sbizzarrirsi con la fantasia per creare giochi, luoghi di riposo e altro ancora.