Attrezzi per innesto

154
1322 0 attrezzi_per_innesto_ok

Per procedere al lavoro dell’innesto nel miglior modo possibile è necessario usare gli attrezzi e i materiali più adatti. Meglio scegliere strumenti maneggevoli e leggeri ma anche resistenti e di buona qualità. Tutti gli attrezzi da taglio devono sempre essere affilati e sterilizzati prima dell’uso.Lo strumento principale è il coltello, a lama dritta o a lama curva, in base al tipo di innesto da fare. Ma esistono anche altri tipi di lame, come ad esempio “a fenditoio”, con una caratteristica lama squadrata da usare per gli innesti a spacco.Per tagliare i rami potrete usare delle forbici per i rami più piccoli, mentre saranno necessaria una sega od un seghetto per i rami più grossi. In questo caso è meglio utilizzare lame a denti piccoli e molto ravvicinati per ottenere un taglio più preciso e meno ruvido. Le forbici, invece, dovranno essere robuste e il più possibile maneggevoli. La roncola è un attrezzo che serve a lisciare il punto dove è stata effettuata l’incisione per l’innesto e per eliminare eventuali sporgenze.Un altro strumento indispensabile è una piccola mazza o un martello. Si usa per picchiettare nel legno il coltello a fenditoio o la sgorbia, una specie di scalpello per effettuare incisioni. Il cuneo si utilizza per mantenere provvisoriamente aperta la fenditura nel legno per l’inserimento delle marze. E’ solitamente in ferro o legno. L’incisore è un attrezzo con lama a doppio battente e permette di effettuare tagli paralleli. Esiste anche un incisore anulare per tagli a cilindro.Un altro attrezzo utile è la innestatrice, una specie di pinza con lame intercambiabili con cui si possono fare diversi tipi di taglio per l’innesto. Pur non essendo attrezzi, sono comunque indispensabili dei legacci, solitamente in rafia, per mantenere in posizione l’innesto finché questo non si sia saldato completamente e del mastice, per sigillare perfettamente l’area dell’innesto.