Sport di squadra – il polo

98
535 0 Sport di squadra   Il polo

Da sempre conosciuto come uno degli sport più eleganti (e “da ricchi”) nel panorama sportivo mondiale, il polo unisce elementi degli sport di squadra con la palla con l´arte dell´equitazione. Nel polo due squadre di quattro giocatori a cavallo, muniti di stecche di bambù, si sfidano cercando di mandare una palla di legno attraverso due pali. Il polo è stato uno sport olimpico ma ora non lo è più. Le sue origini andrebbero rintracciate nel sesto secolo avanti Cristo in Persia, e si può considerare un´evoluzione di un´attività di allenamento per le truppe a cavallo. Nel tempo è diventato uno degli sport nazionali persiani, per poi passare ai bizantini, agli indiani e da lì agli inglesi, che ne hanno perfezionato la versione moderna. Oggi, la mecca del polo è considerata l´Argentina, patria dei migliori giocatori del mondo insieme al Brasile. Le regole del polo mirano a salvaguardare la sicurezza dei giocatori e dei cavalli, basate soprattutto sul concetto della “linea della palla”, la linea immaginaria che segue la traiettoria della palla e che dà diritto alla precedenza per il giocatore che l´ha colpito; i falli, per la maggior parte, sono infatti a carico dei giocatori che hanno creato situazioni di pericolo attraversando quella linea. Ogni partita di polo è divisa in tempi detti chukker o chukka, che durano dai 7 ai 7 minuti e mezzo; ne vengono giocati da quattro a otto per ogni partita. Al termine di ogni chukker i giocatori cambiano il cavallo, che può essere tenuto al massimo per due chukker non consecutivi. Oggi la competizione più importante nel polo è il Campionato mondiale, disputato da 8/10 squadre; nell´ultima edizione, quella del 2011, si è classificata al primo posto l´Argentina, secondo il Brasile e terza l´Italia.