Racconti

64
306 0 Racconti

I racconti sono componimenti in prosa che si caratterizzano per una durata sensibilmente inferiore a quella di altre tipologie di componimento, come ad esempio i romanzi. I racconti possono avere i contenuti più disparati, essere di ambientazione realistica o del tutto fantastica, e lo stesso dicasi per i personaggi e le storie narrate. Sebbene i racconti contemplino sempre una conclusione, i loro autori li scrivono spesso ‘in serie’, ovvero in un certo numero, che poi viene racchiuso in una raccolta: anche se tecnicamente slegati l’uno dall’altro, essi, nel loro insieme, esprimono il più delle volte tematiche comuni che riflettono il pensiero di chi li scrive. I racconti nacquero nel Medioevo e trovarono la loro forma più alta e compiuta nel Decameron di Giovanni Boccaccio, a metà del ?300, quando venivano chiamati ‘novelle’. Dopo Boccaccio, che fissò i canoni di questo genere letterario che si sarebbero mantenuti fino al Rinascimento, grandi autori di racconti furono, su tutti, Geoffrey Chaucer, Franco Sacchetti e Miguel De Cervantes. Dopo l’alternarsi di periodi di successo ad altri di decadimento, i racconti tornarono in auge nell’800 e nel ?900, epoca che segnò una vera e propria rinascita del genere, meravigliosamente espresso nelle opere di scrittori come Edgar Allan Poe, Guy De Maupassant  e Anton Ceckov. Anche l’Italia vanta una lunga e gloriosa tradizione in questo ambito: Verga, Pirandello, D’Annunzio, Svevo, Buzzati e Grazia Deledda sono solo alcuni dei nomi principali che hanno lasciato un segno indelebile in tale campo letterario. La brevità è una caratteristica imprescindibile dei racconti, che di solito contemplano uno stile essenziale e molto ben calibrato, in grado di esprimere moltissimo in fatto di narrazione, concetti e pensieri, ma in uno spazio ristretto. Se un racconto si riferisce ad una specifica persona, esso si dice biografico; quando si riferisce al suo stesso autore, si parla invece di autobiografia.